Pubblicato da: 2g | lunedì, 12 novembre 2007

Webisode

tit

  • La mania di arricciarsi un ciuffo di capelli con un dito si chiama tricotillomania.
  • Il vino novello può essere consumato per legge solo dal 6 novembre.
  • Il vero nome della pentola a pressione è digestore e fu presentata con il motto: “Rende digeribile anche la carne più dura della vacca più vecchia“.
webisode
La domanda dell’angolo:
(da Marta:) dire “La mia mamma” è scorretto mentre si dovrebbe dire “Mia mamma”. Allora, perché sembra corretto dire “La mia cuginetta” mentre “Mia cuginetta” proprio non sta in piedi?

Responses

  1. Il problema è nel diminutivo, non nel fatto che sia mamma o cugina.

    Dici “mia mamma” e “la mia mammina”, “mia cugina” e “la mia cuginetta”.

    Il contrario in effetti “la mia mamma”, “la mia cugina” non sta in piedi.

    Cerco nelle grammatiche del web?😀

  2. il problema sussiste anche con altri nomi per esempio: “la mia ragazza.” questo non è un nome alterato eppure… qualcuno riesce a trovarmi una risposta? possibile che sue due grammatiche diverse che ho a casa ci siano spiegazioni diverse? cos’è? l’italiano è cangiante da casa editrice a casa editrice?
    la stessa cosa capita con la “D” eufonica. si dovrebbe usare solo tra congiunzioni e parole che iniziano per la medesima vocale invece la grammatica adottata nella mia classe la presenta anche per le altre vocali… che confusione!!!

  3. L’italiano è un linguaggio naturale e quindi non preciso nelle sue definizioni. Ognuno se le crea secondo la sua esperienza nell’ambiente in cui è immerso.

    Ma non puoi definire “ragazza” un rapporto parentale come “mamma” e “cugina”😀

    Ok, le regole si fanno sempre per selezione sugli eventi, come li osserviamo😀

    Il tacchino induttivista di Popper insegna😀

  4. bene,allora, ho trovato una grammatica esaustiva e vi posto qui l’informazione, se mai vi interessasse. non si usa l’art. det. davanti a nomi comuni di parentela singolari preceduti da aggettivo possessivo diverso da “loro”, a eccezione dei nomi alterati e delle espressioni familiari. non si usa mai l’articolo:
    con nomi propri di persona, città, piccola isola;
    con i nomi di mese-giorno della settimana;
    in espressioni che indicano modo-mezzo-materia-luogo-fine…

  5. ma solo con la luna piena e solo se lo dici con pantaloni jeans addosso

    passa-denim
    😀

    imbuto-sorpresa!

  6. aggiungo anch’io la mia rassegnazione al capire la battuta…

  7. ok…

    avete presente la pubblicità del caffé da 80cent che un americano di NY in terrazzo grande con la luna piena paga 12€?

    la definizione della grammatica mi appariva un po’ così🙂

  8. ????


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: